Continuo a pensare che Azimut sia un’ottima società, ben strutturata, organizzata, dinamica e anche Giuliani mi è simpatico. Quello che purtroppo non mi piace è il contesto tecnico nel quale Azimut si ritrova incastrata.

Il suo ciclo positivo pluriennale si è concluso ormai nell’agosto dell’anno scorso con massimi oltre i 25 euro ed i suoi movimenti si sono incanalati in un largo canale orientato negativamente che non promette niente di buono. Poi c’è il mercato azionario italiano con i suoi nuvoloni neri ormai vicini, anzi direi ormai sopra la testa non lasciano scampo ai prezzi del titolo che stanno facendo i conti con supporti sempre più deboli.

In particolare ho identificato un’evolevente parabolica di supporto che ho colorato in rosso che proprio in questi giorni è sottoposta a i test del mercato. Non credo che sia lontano il momento del suo cedimento considerato che per me il quadro generale della borsa italiana è nero ed è destinato a portare l’indice FTSEMIB a 11000 nel giro di poco più di due anni.

grafico azimut - chart

Ho disegnato un secondo grafico un po’ più light che prevede una reazione moderatamente positiva prima della discesa. L’unica differenza è che la discesa potrebbe essere rimandata, al momento nessun quadro tecnico prevede un possibile rialzo.

Se avete i titoli Azimut in portafoglio da oggi sapete cosa vi aspetta se chiude la giornata sotto i 17,40.

uomo avvisato…

Buon trading

grafico azimut - chart

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here