Post dedicato al calo del prezzo del petrolio e del WTI, West Texas Intermediate crude oil, noto anche come Texas Light Sweet.

Per decenni il mercato del petrolio ha operato nel medesimo scenario con attori che impersonavano sempre gli stessi ruoli. I petrolieri erano tutti d’accordo di mantenere alti i prezzi che garantivano una stabilità economica e politica a tutti, e tutti stavano sul mercato guadagnando enormemente nonostante dovessero estrarre a costi elevati. Oggi dai notiziari apprendiamo che esiste la possibilità di un rapido default del Venezuela e da qualche settimana si discute di enormi problemi per l’economia russa.

Anche se il rallentamento dell’economia emergente asiatica ha una parte importante nella faccenda la causa principale della destabilizzazione del mercato è da ricercarsi nell’utilizzo delle nuove tecnologie che hanno reso possibile tecniche estrattive impossibili prima consentendo agli U.S.A. di raggiungere l’autonomia energetica.
Il continente nord americano è ricchissimo di petrolio imprigionato nelle rocce sotto forma di microparticelle, il cosiddetto “shale gas” che non veniva estratto finché non è stata messa a punto la tecnica della frattura delle rocce con l’iniezione pressurizzata di acqua nel sottosuolo, una tecnica molto complessa, costosa e altamente inquinante.

Dalla osservazione del grafico settimanale sembrerebbe raggiunto o quasi raggiunto il punto di arresto del ribasso che consentirebbe ai prezzi di rimanere all’interno di un lungo canale parabolico all’interno del quale ho voluto disegnare la fantaprevisione che proietta i prezzi per i prossimi 12 anni a concludersi con un doppio massimo a 150 dollari al barile. Da qui partirebbe un nuovo macrociclo negativo che speriamo per tutti sia l’ultimo e che decreti finalmente il definitivo declino di una risorsa energetica ormai vetusta e troppo problematica.

Ovviamente tutto regge se in questi giorni o settimane il prezzo si stabilizzasse ridando fiducia ad un mercato ormai al limite del panico.

Staremo a vedere, intanto mi preparo a prendere posizione al rialzo.

Buon trading a tutti.

grafico wti crude oil

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here