Per rendersi conto di quanto sia minuscola la borsa italiana basta guardare alla composizione dell’indice principale, il FTSE Mib infatti fra i vari titoli oltre a energetici, bancari, industriali ce ne sono alcuni che sono la costola di un’altra società quotata.
World Duty Free è una di queste, vediamone il grafico.
Data la breve storia borsistica dobbiamo utilizzare un grafico giornaliero senza poter sfruttare importanti indicazioni fornite da un grafico settimanale o ancora meglio mensile.

La caratteristica di questo grafico è che da quando è iniziato il 2014 i prezzi hanno seguito un andamento parabolico interrotto a fine agosto quando con uno strappo rialzista i prezzi sono arrivati oltre i 9 euro. La festa non è durata a lungo infatti agli inizi di ottobre c’è stato un notevole ribasso che ha fatto rientrare il grafico nel canale parabolico abbandonato ad agosto.

Al momento l’unico segnale disponibile è il ribasso e il rientro nel canale parabolico orientato negativamente, mi pare un po’ poco per pensare di pensare di inserire il titolo in portafoglio.

Ciao

grafico world duty free

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here